Le controindicazioni ai trattamenti

Lesson
Materials

Le seguenti lezioni trattano argomenti importanti per garantire trattamenti sicuri per te e i tuoi clienti. Controllando e comprendendo queste informazioni puoi essere sicuro di non aver trascurato nulla di importante, in modo che il tuo lavoro abbia tutte le possibilità di essere sicuro e di successo.

Prima controindicazione : se una persona ha meno di 18 anni!

inoltre:

• Se una persona è allergica ad un eccipiente o pigmento.Le persone allergiche sanno sempre a cosa sono allergiche e sopratutto portano con se documentazione medica.

• Se un cliente ha glaucoma (alta pressione oculare). L’aumento della pressione intraoculare combinato con la pressione eseguita sulle sopracciglia potrebbe essere dannoso.

• Se c’è un’ipertensione incontrollata e alta.

I pazienti con pressione sanguigna alta non sono autorizzati a subire il trattamento fino a quando la loro pressione sanguigna alta non raggiunge valori normali e controllati con l’uso di farmaci.

L’emorragia eccessiva si può verificare nei pazienti con pressione alta.

• Nelle malattie del sangue dove è presente una alterazione della coagulazione (emofilia, anemia falciforme, disturbi piastrinici).

A causa di queste malattie il sanguinamento eccessivo durante il trattamento non può essere fermato, il che impedirebbe al pigmento di rimanere nel derma.

• Se un cliente soffre di diabete mellito.

Soprattutto se vengono utilizzate le iniezioni in terapia (insulina), c’è il rischio di una lenta guarigione e di un’infezione.

• Se c’è un’infezione virale attuale o una malattia infettiva.

L’operatore in tale caso può decidere di non eseguire il trattamento

• Se c’è un`infezione della pelle nelle vicinanze delle sopracciglia, occhi o labbra.

Incluse: scottature, eruzioni cutanee, dermatiti, infezione da herpes simplex sul viso, follicolite (lezione RNA del dott.)

• Se una persona ha un organo trapiantato.

Dopo il trapianto, i pazienti ricevono la terapia immunosoppressiva e per questo vi è una maggiore possibilità di infezione durante il trattamento di trucco permanente

• Se si è in chemioterapia. Attendere sempre 6 mesi dall’ ultimo ciclo di chemio.

Le persone con malattie maligne sono sottoposte allo stress cronico e alla chemioterapia che colpisce tutti i tessuti dell’organismo e diminuisce l’attività dei globuli bianchi, aumentando così la possibilità di infezione.

• Se un cliente ha un pacemaker o una grave malattia cardiaca, valvole artificiali.

Le malattie cardiache sono spesso accompagnate da ipertensione e uso di farmaci (come l’aspirina), che rappresentano anche una controindicazione al trattamento.

• Se una persona è soggetta a cicatrici cheloidi dopo ferite / traumi.

I cheloidi sono comuni per le persone di colore. Ogni foro potrebbe essere seguito di cicatrici esteticamente inaccettabili, quindi anche l’effetto del trucco permanente sarebbe insoddisfacente.

• Se un cliente soffre d’epilessia.

L’epilessia si verifica a causa di un’attività elettrica anomala che viene dal cervello. I fattori che possono scatenare la malattia possono essere diversi. Nella seduta di trucco permanente la costante sollecitazione dell’ago, così come l’eccitamento psicologico e lo stress dovuti alla procedura, potrebbero essere fattori scatenanti per la crisi epilettica.

• Se il cliente ha la leucemia.

La leucemia è la malignità delle cellule del sangue e del midollo osseo. I cui sintomi sono solitamente debolezza, affaticamento, pelle pallida.

• Il cliente ha sarcomi.

Il sarcoma è un tumore maligno che si sviluppa nel tessuto connettivo come ossa, cartilagini, muscoli, tendini, ulcere, ecc. Più comunemente, viene rimosso chirurgicamente, insieme a chemioterapia e radioterapia.

• Se il cliente fa l’inseminazione artificiale.

Il trattamento deve essere evitato fino al parto e fino alla fine dell’allattamento al seno.

• Se il cliente ha la malattia di Von Willebrand.

La malattia di von Willebrand è una sindrome emorragica congenita e si manifesta come sanguinamento nella pelle e nella mucosa.

• Se il cliente ha l’artrite reumatoide. L’artrite reumatoide è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario è indebolito e il trattamento in questo caso non dovrebbe essere eseguito. Uno dei motivi è l’aumento del rischio di infezione a causa delle ridotte autodifese dell’organismo.

• Se il cliente ha la sclerosi multipla.

Le persone con SM assumono più spesso immunomodulatori, immunosoppressione con conseguente soppressione del sistema immunitario, a causa della quale il rischio di sviluppare un’infezione è significativamente aumentato.

• Se il cliente ha il diabete. Queste persone sono inclini all’insorgenza dell’infezione, nonché a un periodo di guarigione della ferita più lungo.

• Se un cliente ha malattie maligne.

Si tratta di nuovi tessuti che si riproducono e crescono in modo incontrollabile, distruggendo così i tessuti sani. Le persone che soffrono di malattie maligne di solito sono sottoposte alla chemioterapia e assumono determinati farmaci controindicati per il trattamento. Almeno 6 mesi devono passare dopo la chemioterapia e talvolta anche più se le condizioni del paziente lo richiedono.

• Se un cliente ha la trombofilia.

La trombofilia è una tendenza alla formazione di un coagulo di sangue o trombo a causa di un disturbo della coagulazione. Un coagulo di sangue può portare al blocco di un vaso sanguigno. Queste persone sono solitamente in terapia anticoagulante, quindi il trattamento non può essere eseguito.

• Se un cliente ha lo scleroderma. La caratteristica principale è la produzione eccessiva e l’accumulo di collagene nella pelle e negli organi viscerali. La pelle del viso diventa tesa, senza pieghe normali, amimica, e anche una pigmentazione più scura può apparire sul viso. La pelle di tutto il corpo ha cambiato caratteristiche, quindi il trattamento non è raccomandato, non ci sono buoni risultati!

• Il trucco permanente durante la gravidanza è severamente proibito.                (non dalla legge)

Gli aghi sono affilati e possono causare uno shock o svenimento in modo più intenso durante la gravidanza. Eventi insolitamente stressanti durante la gravidanza possono provocare un parto prematuro.

Di solito durante la gravidanza i tessuti del viso possono gonfiarsi e allungarsi a causa della ritenzione di liquidi. Ciò significa che dopo aver eseguito il trucco permanente la zona trattata può cambiare forma dopo il parto e potrebbe non essere più un lavoro simmetrico.

In alcuni casi la pelle del viso può essere più suscettibile allo scurimento del pigmento noto come “maschera di gravidanza” o melasma che è dovuta ai livelli di pigmentazione, trasmessa in ascesa cambiando gli ormoni e quindi il trauma alla pelle durante la procedura può causare iper-pigmentazione in quella zona. Quindi in pratica la tua pelle sarebbe pigmentata e più scura in alcune zone.

• Ottenere qualsiasi tipo di trucco permanente durante l’allattamento al seno è severamente vietato a causa della mancanza di dati clinici e quindi la donna dovrebbe evitare qualsiasi trattamento.

Rischio di reazione allergica. Alcune persone potrebbero avere reazioni allergiche ai pigmenti a causa del cambiamento degli ormoni nel corpo dovuto al parto e dell’allattamento al seno, che potrebbero interrompere la capacità di allattare al seno.

• Se la cliente ha il ciclo mestruale, i trattamenti sono sconsigliati a causa dell’aumentato senso del dolore e dell’emorragia estrema che può verificarsi durante il lavoro. Tuttavia, se il trattamento viene eseguito durante il ciclo mestruale, il ciclo non influirà sul risultato finale del trattamento.